Dreadlock! su Mangialibri

2 gennaio 2012 alle 1:13 pm | Pubblicato su Dreadlock! | Lascia un commento
Tag: , ,


Su Mangialibri, Ilaria Giannini recensisce Dreadlock!, il Novevolt di Jacopo Nacci:

Con uno stile plastico, fumettistico, Jacopo Nacci tratteggia un’opera fondamentale per comprendere i giorni che ci troviamo a vivere: un libro-ostrica che nasconde più livelli di lettura e allo stesso tempo si lascia divorare con gusto […].

Puoi leggere tutta la recensione qui

Annunci

Novevolt a Firenze, sabato 3 dicembre, ore 18:30 alla Citè, con Jacopo Nacci.

26 novembre 2011 alle 12:43 pm | Pubblicato su cose che accadono, Dreadlock!, eventi | 1 commento
Tag: , , , , , , , ,

SABATO 3 DICEMBRE 2011 – ore 18,30

Libreria Cafè LA CITÈ, via Borgo San Frediano 20-R, FIRENZE

Presentazione di “Dreadlock!” (Zona/Novevolt 2011) di Jacopo Nacci.

Presentano il libro, assieme all’autore: Ilaria Giannini, Vanni Santoni e il curatore della collana Alessandro Raveggi.

Torna la collana di narrativa NOVEVOLT a Firenze, alla Libreria La Citè di Firenze, in Via Borgo San Frediano 20/R. Con “Dreadlock!” di Jacopo Nacci, un libro, una parabola, degli anni di precariato straordinario, da combattere a suon di superpoteri. Continue Reading Novevolt a Firenze, sabato 3 dicembre, ore 18:30 alla Citè, con Jacopo Nacci….

Luca Giudici su “Dreadlock!”

24 novembre 2011 alle 3:22 pm | Pubblicato su Dreadlock! | Lascia un commento
Tag: , , ,

È uscita una approfondita e dotta recensione del critico e studioso indipendente Luca Giudici su Dreadlock! di Jacopo Nacci. La trovate sul blog Scrittori Precari.

“Fluttuante tra l’immaginario dei super-heroes Marvel e DC comics da un lato, e la mistica olistica roots return del reggae giamaicano dall’altro, Dreadlock dà il titolo a una delicata e poetica ballata. La ballata di un amore che trascende la grigia realtà della provincia, per morire in un mondo nuovo. L’idea di fondo è che se si combatte contro gli dei non si può averne altro che dolore.”

 

Si parla di Dreadlock!

11 novembre 2011 alle 4:59 pm | Pubblicato su Dreadlock!, Libri, Segnalazioni | Lascia un commento
Tag: , , ,

Vanni Santoni parla di Dreadlock!qui. Ne hanno parlato, del libro di Jacopo Nacci, anche Nicola Ciccoli, su anobii, e Federico Platania sul suo blog. Vanni Santoni scrive questo, fra l’altro: “Nacci prende tutto maledettamente sul serio, e usa anzi lo spunto supereroistico per dare vita a un mondo immaginario – un mondo dove esiste la Bologna studentesca e anche il cazzuto supereroe Dreadlock – non solo coerente formalmente e filosoficamente, ma anche in qualche modo consapevole dell’essere maya, illusione, come del resto tutti i mondi”.

“Dreadlock!”, prima presentazione: Pesaro, 22 ottobre 2011

19 ottobre 2011 alle 11:54 am | Pubblicato su Dreadlock!, eventi | 2 commenti
Tag: , , ,

Sabato, 22 ottobre, al circolo Arci L’Otto, in via Bramante 65, a Pesaro, Jacopo Nacci presenta, in anteprima assoluta Dreadlock!. La presentazione comincia alle 18.30: Jacopo e Matteo Pascoletti ci parleranno del libro, di supereroi e – immaginiamo noi – di Guy Debord. Vi aspettiamo numerosi e festanti.

[qui c’è l’evento facebook]

Matteo Platone su “Dreadlock!”

13 ottobre 2011 alle 10:14 pm | Pubblicato su anticipazioni, Dreadlock! | Lascia un commento
Tag:

Tra pochi giorni Dreadlock! sarà in libreria. Nel frattempo, Matteo Pascoletti parla del libro sul suo blog:

Dreadlock! (Zona 9volt, 2011) […] è un romanzo breve, ma molto denso, di quelli che, a distanza di anni, si torna volentieri a leggere per scoprire magari strati e zone di significato che in precedenza erano sfuggiti, o che erano scivolati via perché non eravamo pronti a  specchiarci in essi.
Superficialmente strizza l’occhio ai prodotti seriali, come si può vedere dalla numerazione dei capitoli (1×01, 1×02 ecc., tipica  dei telefilm o degli OAV), al rastafarianesimo, al mondo dei super eroi e a fenomeni di controcultura urbana come il parkour. È la storia di un laureando in filosofia, Matteo, che fuma, per caso o per destino, dell’erba proveniente dalla tomba di Re Salomone, la quale, per l’appunto, ha il potere di trasformarlo in Dreadlock!, muscoloso gigante d’ebano dalle trecce rasta e dai poteri elementari, dotato di una propria coscienza indipendente da quella di Matteo. Jacopo riesce a gestire bene  questo spunto di base, evitando di scadere nel genere, nel pulp grossolano [continua a leggere]

[il Dreadlock del disegno è di Giulio Giordano]

“Dreadlock!”, di Jacopo Nacci: un’anticipazione

25 settembre 2011 alle 12:55 pm | Pubblicato su anticipazioni, Dreadlock! | 2 commenti
Tag: , , , , , ,

Il sesto volume di Novevolt è imminente. Vi proponiamo un piccolo estratto, tratto dal quarto capitolo:

«Milioni di possibilità», fa Raffaelli; guarda la maschera ritorta, i tratti sconvolti dalla stretta della mano, «nell’88, Umberto Eco rilasciò un’intervista: il futuro è degli umanisti.
Mio padre ci credeva sul serio, la citava sempre. A me l’idea piaceva. A chi non piacerebbe? Mi iscrissi al liceo classico. E poi non riuscii più a smettere. Chi ci riuscirebbe? L’università mi portò via, lo studio e la vita sono la stessa cosa, ma vaglielo a spiegare a queste merde. Mi ritrovai fuori corso, e poi fuori dall’università con una laurea in mano, andai avanti per lavoretti saltuari, quando riuscivo a prendere ordini da uno stronzo per una paga da fame ero addirittura contento, mi veniva da dirgli grazie, ma quei lavori duravano poco e faticavo sempre più a trovarne. Ti presenti, ti chiedono cosa fai, tu rispondi che sei disoccupato, loro ti guardano come uno che se è disoccupato c’è un motivo, e ghignano, e ti rimandano a casa. Allora studi decine di manuali a seconda di quale sia il fantasma che la tua mente ha deciso di chiamare progetto in quel momento: siti web, grafica, copywriting; inventi interi corsi privati ai quali non si iscrive nessuno; ti prepari un mese per un’unica offerta di lavoro trovata per caso tra centinaia, per poi renderti conto, di fronte all’ovvio rifiuto, che non c’era alcun motivo valido per pensare che avrebbero scelto te, e poi ricominci da capo con qualcos’altro. Ti sembra di girare per maghi, e quando un conoscente ti dice: ho sentito che cercano qualcuno qui per fare questo, e a te viene su la faccia di chi non ne può più di inseguire la magia, quello ti guarda pure come se non avessi voglia di sbatterti. Oh sì, in teoria puoi fare tutto, e questo tutto ti divora in una dispersione continua che ti fa perdere la lucidità, e il tempo passa, allora i cicli delle follie momentanee che chiami progetti diventano sempre più brevi, tre giorni, un giorno, e la disperazione sale fino a farti fremere le tempie mentre il senso della realtà sballa; talvolta pensi che puoi andare a fare il santone in India o le piadine in Cambogia, ma cominci anche a credere che è una legge cosmica fatta apposta per te, che davvero tu non sei fatto per funzionare nel mondo, e hai paura, una paura totale, e la tua vita corre verso la morte sempre più veloce, e quando te ne rendi conto la rabbia ti divora. E diventi come me».

Arriva Dreadlock!

20 settembre 2011 alle 4:56 pm | Pubblicato su anticipazioni, Novevolt | Lascia un commento
Tag: ,

A Bologna sta per arrivare un nuovo supereroe, uno da punto esclamativo:

Jacopo Nacci su “Il molosso. La leggenda del cane”

17 maggio 2010 alle 5:21 pm | Pubblicato su cose che accadono, Il molosso. La leggenda del cane | Lascia un commento
Tag: , , , ,

Al centro del vortice delle forme di vita si staglia il molosso, e nemmeno tutto l’umano, nella molteplicità dei suoi sguardi, sembra riuscire a esprimere l’essenza dell’animale che è sempre uguale attraverso le ere, l’animale che è addirittura sempre lo stesso animale, immortale, lui davvero intraducibile, solo contemplabile. Il molosso è un trascendente, benevolo e giusto eppure incomprensibile, simbolo di tutto ciò che, infinitamente semplice e identico a sé, è rimasto, rimane e rimarrà strutturalmente fuori dalla portata della comprensione umana e però all’umano mostra il suo volto.

Non capita spesso di pubblicare un libro e di trovarsi di fronte ad una riflessione così estesa: quella di Jacopo Nacci sul Novevolt di Enzo Fileno Carabba. Buona lettura: parte 1 e 2.

presentazione+reading allo ZAMMÙ con Malicuvata: 24 aprile, Bologna

8 aprile 2010 alle 2:16 pm | Pubblicato su eventi, Segnalazioni | Lascia un commento
Tag: , , , , , , , , , , , ,

sabato 24 aprile 2010 h. 19.30 :: Novevolt: progetto, catalogo e aperitivo

Dalla A allo Zammù :: 2010 [ apr – mag – giu ] – ZAMMÙ Via Saragozza 32/a Bologna.

La collana Novevolt predilige ucronie e rappresentazioni selvagge del reale, autofinzioni sensoriali e piccoli gioielli di stile. Per l’occasione bolognese, Novevolt presenta, oltre alle due prime uscite, Fabrizio Venerandi e Jacopo Nacci, prossimi autori della collana. Accompagnati da Franz Krauspenhaar e Enzo Fileno Carabba, Vanni Santoni e le musiche di Simone Rossi e Cugino Lubitch.

Interventi di Enrico Piscitelli (curatore collana Novevolt), Franz Krauspenhaar (autore di Un viaggio con Francis Bacon), Enzo Fileno Carabba (autore di Il molosso. La leggenda del cane)

SEGUE h. 20.30 :: AcusticoReading per Novevolt Testi e voci di: Franz Krauspenhaar, Enzo Fileno Carabba, Vanni Santoni, Jacopo Nacci, Fabrizio Venerandi, Enrico Piscitelli; Musiche di: Simone Rossi e Cugino Lubitch

a cura di MALICUVATA – Casa Lettrice

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: