Il nostro prossimo autore, che sveliamo, tra i 19 candidati del Premio Strega 2011.

10 aprile 2011 alle 9:08 pm | Pubblicato su anticipazioni, eventi | Lascia un commento
Tag: , , , , , , ,

Andrea Tarabbia, prossimo autore Novevolt con il libro Marialuce [di cui presto saranno svelate anticipazioni e la data d’uscita imminente, in primavera] è tra i 19 candidati al Premio Strega 2011. Si presenta con il suo primo romanzo, La calligrafia come arte della guerra, edito da Transeuropa nel 2010.

Dopo il nostro Marialuce, uscirà con un nuovo romanzo per Mondadori, nell’autunno del 2011.

Annunci

Il nostro Enzo Fileno Carabba…

22 marzo 2011 alle 4:09 pm | Pubblicato su anticipazioni, cose che accadono, Il molosso. La leggenda del cane | Lascia un commento
Tag: , ,

Il nuovo romanzo di Enzo Fileno Carabba, Con un poco di zucchero (Mondadori, 2011), è in libreria. La quarta recita:

Giulia e Camilla sono due arzille vecchiette che condividono una volontaria reclusione nel loro appartamento fiorentino, tra mobili antichi e ricordi di un passato glorioso, con l’unica compagnia dei Lorocari, pesci tozzi e voraci che di tanto in tanto prendono le sembianze dei loro cari scomparsi. Il solo contatto con il mondo esterno è Piero, spacciatore di fiducia di “pozione magica”. Quando però Piero muore inaspettatamente Giulia e Camilla si trovano costrette a prendere una decisione fatidica: avventurarsi in città per procurarsi da sé la preziosa “pozione”, così necessaria per poter continuare a condurre una vecchiaia spensierata. Ma l’impresa si rivela più difficile del previsto per le due spavalde vecchiette, che si trovano presto trascinate in una rocambolesca avventura, tra pestaggi, vendette, inseguimenti e cadaveri di cui sbarazzarsi, fino alla comparsa di un’intraprendente nipote mai conosciuta prima.

Album Calvino / 2 (Palomar e Mohole)

12 ottobre 2009 alle 11:14 pm | Pubblicato su Segnalazioni | 1 commento
Tag: , , , , , , , , ,

Ovvero sulla necessità o meno di prendere parte delle viscere. Due strategie percorribili. Il progetto iniziale del libro Palomar.

palomar“La prima idea era stata di fare due personaggi: il signor Palomar e il signor Mohole. Il nome del primo viene da Mount Palomar, il famoso osservatorio astronomico californiano. Il nome del secondo è quello d’un progetto di trivellazione della crosta terrestre che se venisse realizzato porterebbe a profondità mai raggiunte nelle viscere della Terra. I due personaggi avrebbero dovuto tendere, Palomar verso l’alto, il fuori, i multiformi aspetti dell’universo, Mohole verso il basso, l’oscuro, gli abissi interiori. Continue Reading Album Calvino / 2 (Palomar e Mohole)…

programma ULTRA festival – ultima giornata 26 settembre

26 settembre 2009 alle 10:51 am | Pubblicato su cose che accadono, Segnalazioni, ultra | Lascia un commento
Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

PROGRAMMA 26 SETTEMBRE 2009

new Logo Novevoltdalle 11.30 alle 16 – Al Teatro della Pergola, Incontro-raduno nazionale di riviste “Riviste Letterarie vs. Paese reale”. A cura di Enrico Piscitelli. Dalle ore 11.30 Foyer – Mini-fiera: Espongono/illustrano/vendono/definiscono: Argo, Colla, ernest(,), finzioni, FoLLeLFo, Il primo amore, inutile. opuscolo letterario, Collettivomensa, Tabard. Seguono letture e, performance. Dalle ore 15 alle 16. Saloncino – Dibattito su “Riviste letterarie vs. Paese reale”. Intervengono e presentano i loro progetti Achille Castaldo (Tabard), Valerio Cuccaroni (Argo), Sergio Nelli, Antonio Moresco e Andrea Tarabbia (Il primo amore), Sara Pavan (ernest,), Alessandro Romeo e Matteo Scandolin (Inutile. opuscolo letterario), Francesco Sparacino (Colla), Carlo Zuffa (finzioni). Nel silenzio assordante del Paese reale, manipoli di giovani e meno giovani dànno vita a progetti culturali: riviste cartacee, e-zine (magazine on-line, che hanno preso il posto delle vecchie fanzine ciclostilate), blog collettivi e collettivi di scrittura. Il tutto col sapore del samizdat sovietico, con la differenza sostanziale che, mentre in Unione Sovietica la diffusione delle idee culturali doveva essere – per forza di cose – clandestina, l’Italia degli Anni zero si limita – semplicemente – a ignorare tutto ciò che non passa per i media tradizionali. Quale volontà spinge a fondare una rivista on-line, o a investire soldi reali per stamparne una cartacea? Perché qualcuno, nell’Italia degli Anni zero, decide ancora di spendere il proprio tempo per offrire delle proposte culturali?

arenaAlle ore 18 – nel foyer del Teatro della Pergola – Presentazione e reading del libro di Alessio Arena, “L’infanzia delle cose” (Manni Editore). Presentano Enrico Piscitelli e Massimiliano Palmese.
“… Insieme coi libri di Peppe Fiore, la più notevole cosa under 30 della presente, ricchissima
stagione napoletana.” (Francesco Durante, Corriere del Mezzogiorno)
“Un esordio all’insegna della personalità” (Matteo B.Bianchi, Linus)

Anni Ottanta. Napoli, Rione Sanità. Antonio Bacioterracino ha quindici anni. Il padre Patrizio, cantante invischiato con la camorra, muore per un’overdose di eroina, e il resto della famiglia si trasferisce a Madrid, nel quartiere di Lavapiés, covo della comunità gitana. Ma di luoghi comuni, qui, neanche uno. Realismo magico napo-latino e una lingua che fa scintille nell’incontro tra due culture, a rincorrersi tra violini, incendi, un cane che imita il vibrato di June Christy, scarafaggi, ajuntadoras e magliari napoletani.


moresco1 Alle ore 19 – EVENTO DI CHIUSURA nel foyer del Teatro della Pergola, Presentazione e reading in esclusiva fiorentina dell’opera di culto “Canti del caos” (Mondadori), con Antonio Moresco. Presentano gli scrittori fiorentini Sergio Nelli e Alessandro Raveggi.
“I canti del caos spalancano interi universi.” (Tiziano Scarpa) – “Moresco è un autore totale, che attira nel suo spaventoso campo magnetico ogni cosa.” (Dario Voltolini) – “Un viaggio visionario e polimorfo, carico di atmosfere stranianti e arroventate” (Il Venerdì di Repubblica) – “È uno di quei libri che non solo cambiano la storia della letteratura, non solo cambiano il lettore che li legge, ma cambiano anche i libri degli altri, rendendoli piccoli, irrilevanti” (Massimiliano Parente, Libero)
Canti del caos è stato scritto nell’arco di quindici anni e assume la sua forma definitiva soltanto adesso, ora che la terza e ultima parte si aggiunge alle prime due che videro la luce da Feltrinelli nel 2001 e da Rizzoli nel 2003. Del tutto rivisto nelle prime due parti, dunque, e finalmente concluso, Canti del caos si presenta in tutta la sua assoluta singolarità. Concepito per non lasciare indifferenti, a costo anche di suscitare reazioni di rifiuto, questo romanzo si accampa come opera incandescente, vertiginosa, un’opera che va a inscriversi immediatamente, di diritto, nel novero di quelle imprese estreme che come grandi massi erratici punteggiano la storia della letteratura. Nella sua gigantesca macchina realistica e metaforica vengono macinati e trascesi i codici, i generi e gli orizzonti letterari di questa epoca: la fantascienza, il poliziesco, il comico, la pornografia, il fantasy, l’horror, il romanzo d’amore, il saggio scientifico e filosofico, la meditazione religiosa e mistica. Il romanzo-mondo di Antonio Moresco chiede molto al lettore, ma molto dà in cambio: una lettura avvincente, un percorso attraverso i grandi archetipi della letteratura dell’Ottocento e del Novecento e la prefigurazione del nuovo millennio, la relazione intima e profonda che si instaura tra chi lancia una sfida e chi ha il coraggio di raccoglierla.

ULTRA Festival della letteratura, in effetti | FIRENZE Anteprima nazionale – dal 23 al 26 settembre 2009 | a cura di Alessandro Raveggi | e-mail ultra.letteratura@gmail.com – contatti Silvia Tesone +393335837354 Continue Reading programma ULTRA festival – ultima giornata 26 settembre…

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: